Get the Flash Player to see this rotator.


 
Proverbi piemontesi sul cibo

"... ‘l vin ‘d ca a ‘ncioca nen..."

Il vino di casa non ubriaca
 
 




La polenta di mais otto file


La pianta di mais Otto File ha una sola pannocchia con otto file di chicchi ( da qui il suo nome), mentre le piante di mais moderni, hanno 2-3 pannocchie con 18-20 file. Il chicco si presenta cuoriforme, piatto, di colore giallo arancione intenso. Il suo sapore rende le polenta di mais Otto File decisamente dolce e amabile rispetto alle altre. L’otto file viene anche chiamato mais del Re perché da notizie storiche il primo a farla coltivare fu il Re Vittorio Emanuele II , Re d’Italia , nella sua tenuta di caccia di Pollenzo in provicia di Cuneo. Il mais Otto File non ha subito in alcun modo nessun tipo di modifiche genetiche e viene coltivato con metodi naturali senza trattamenti aggiunti nelle terre locali e in seguito macinato a pietra naturale per ottenere una farina integrale che trattiene inalterate sapore, profumo e genuinità.




Scarica la scheda della polenta di Mais 8 File in formato Pdf

   
Consorzio per la valorizzazione e la tutela della Cögnà di narzole - Sede Legale: Via Martiri della Liberazione, 30 12068 Narzole (CN)
P.Iva 03018820047 C.F. 91022820046     
Informativa Privacy
Consorzio per la valorizzazione e la tutela della Cögnà di narzole utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento