Get the Flash Player to see this rotator.


Parliamo di...

 Il mosto d'uva
 Le Mele/pere Cotogne
 Le pere Martine "Martin sec"
 Le Pere Madernasse
 I Fichi


 La ricetta della Cögnà a Fumetti

Le parole antiche della Cögnà :

Biblioteca Civica di Dogliani LUIGI EINAUDI
Fonte: "IL DIZIONARIO DI GASTRONOMIA DEL PIEMONTE di Sandro Doglio "
Editore Daumerie editrice 1995

La Cögna


Il Consorzio di Tutela e Valorizzazione della Cögnà di Narzole, nasce nel 2003, dall’idea di alcuni cittadini Narzolesi che ritrovando nelle cascine contadine locali la tradizione della realizzazione di un prodotto dalle antiche origini, decidono di sviluppare un disciplinare che ne identifichi l’origine e la preparazione. Lo stesso anno è la giunta comunale del paese ad avvalorare l’identità della "Cögnà di Narzole", tramite la presa d’atto del disciplinare.

Da questo momento spetta al Consorzio promuovere ed identificare il prodotto che vuole tutelare; le prime iniziative riguardano la ricerca degli ingredienti tra i quali spicca il mosto d’uva l’elemento fondamentale che è alla base della ricetta, tramite la buona volontà di alcuni produttori locali il mosto viene prelevato nelle colline di Vergne frazione di Narzole al confine con le terre del piu’ conosciuto BAROLO nelle quali vengono coltivati principalmente vitigni di DOLCETTO, BARBERA e NEBBIOLO.

E’ nell’amalgama tra i vari mosti che il consorzio identifica il proprio prodotto, in quanto da racconti tramandati da padre in figlio la Cögnà era realizzata con uve denominate "GRAPPOLI DI SAN MARTINO", che erano nient’altro che grappoli d’uva in maturazione tardiva perché lasciati sulle piante durante la raccolta di SETTEMBRE-OTTOBRE, in quanto non avevano raggiunto la completa maturazione.

Da qui si evince che non fosse una sola tipologia di mosto alla base dell’antico prodotto "Cögnà", ma un’insieme tra i vitigni coltivati in zona che abbiamo citato precedentemente. Per quanto riguarda gli altri prodotti che sono alla base della ricetta, se per le nocciole non vi erano particolari problemi nel reperimento in loco, per quanto riguarda le Cotogne e i Martin Sec, che pur rappresentando tipologie di frutti alla base dell’alimentazione locale, a causa del loro scarso utilizzo nei tempi moderni si sono ritrovati solo singole piante, localizzate in punti dispersi tra la pianura e la collina territoriale.

Per ovviare a tale mancanza, il Consorzio in collaborazione con il Comune di Narzole nell’anno 2005 ha realizzato una piantagione dei sopra citati frutti, con l’intenzione di poter produrre in modo autonomo questi prodotti della terra che diversamente con il tempo sarebbero scomparsi e forse dimenticati, nella cultura locale.

Dal 2003 si susseguono manifestazioni e partecipazioni ai pi importanti mercati locali (tra i quali Fiera Napoleonica a Narzole, Fiera del Tartufo di Alba, Fiera del Bue Grasso a Carru’ etc) nei quali viene fatta la commercializzazione e la promozione del prodotto ad opera del Consorzio stesso, divulgando in modo particolare la concezione della tradizionalità della ricetta.

Tra le iniziative di maggior pregio la "Cögnà di Narzole" può avvalersi del gemellaggio con il "Tumin dal Mel" favorito dall’assessorato regionale sviluppo della montagna e foreste, nell’ambito dell’iniziativa "I sapori di montagna scoprili in città", e la cena dei prodotti tipici locali denominata "TIPICA-MENTE".

   

   
Consorzio per la valorizzazione e la tutela della Cögnà di narzole - Sede Legale: Via Martiri della Liberazione, 30 12068 Narzole (CN)
P.Iva 03018820047 C.F. 91022820046     
Informativa Privacy
Consorzio per la valorizzazione e la tutela della Cögnà di narzole utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento